This is war: i disturbi della mente

5 Gen

Io l’ho sempre saputo. detto e ridetto. e oggi finalmente ne ho avuto la conferma!

Perchè avere sulla scrivania un libro che si chiama “i disturbi della mente” non può essere una casualità fortuita. Che poi, cos’è il caso se non l’impossibilità di spiegare razionalmente ogni singolo evento che ci coinvolge?

Dunque analizziamo i fatti con ordine: oggi vedo con la coda dell’occhio questo libro sulla scrivania di una persona. Costui:

  1. una volta mi ha accusata di averlo cancellato dai miei amici su fb, ma che a lui (sottolineando di essere allegramente arrivato ai 40 e con ben 2 figli) non sarebbe importato! ora, a parte che io non ho bloccato una beata michetta, ma poi si può prima fare un pippone e poi dire che non te ne frega niente?
  2. ha litigato pesantemente con me ritenendomi responsabile di condotta scorretta, quando io facevo solamente il mio lavoro e invece era lui che cercava di boicottare le mie proposte.
  3. un’altra volta all’apparire di una statuetta di una piggy che sculettava a ritmo di musica, durante un’allegra tavolata di ubriaconi misto-europei in trasferta per lavoro ha avuto il coraggio di paragonarla ad super capa suprema. risatine forzate e sdegno collettivo negli occhi
  4. solitamente riempie le nostre giornate di aneddoti inutili, battuttine scontate e ridicolaggini varie
  5. è presuntuoso e vanesiooltre ogni umana sopportazione; è talmente inaffidabile che pare che dove passi lui ci siano sempre armadi chiusi a chiave
  6. è professionalmente subdolo: fa l’amico di tutti (mal tollerato) e ti fa lo sgambetto appena può. o anche se non può. Insomma, per non sbagliare intanto sgambetta!

Fino al punto due era soltanto un’inutile attore del settore in cui lavoro, con cui mi trovavo a lavorare per caso e fortunatamente per poco. Ahimè da un paio di mesi è diventato il mio capo. Maledetto karma, ma che t’ho fatto???

Ci ho provato a farmelo piacere, a cercare di cucirgli addosso della stima su misura. Ma niente, non c’è verso. E’ un f(c)oglione! Diciamo che si crede furbo come una volpe, astuto come un puma, e invece è sleale come il più stupido dei gatti. Ma il suo soprannome underground è “Il dugongo” a causa della sua somiglianza con questo:

Devo solo trovare la forza di continuare a sorridere e fare finta di assecondarlo, mentre cerca di farmi subdolamente licenziare . Ma io ti ho capito in tempo, sai. Non ti salverai le chiappe a mie spese. Se vuoi la guerra, che guerra sia (chiedi un pò al mio precedente capo com’è andata a finire, magari vedi che non ti conviene).

TheCat, sto affilando e unghie e sappi che i tuoi santi non ti serviranno a niente. E in più hai quel libro sulla scrivania. E spiega tante cose.

“A warning to the people: the good and the evil, this is war. To the soldier, the civillian, the martyr, the victim: This is war. It’s the moment of truth and the moment to lie, the moment to live and the moment to die, the moment to fight, the moment to fight, to fight, to fight, to fight!!! To the right, to the left we will fight to the death, to the Edge of the Earth”.

30 Seconds To Mars – This Is War 

Annunci

Una Risposta to “This is war: i disturbi della mente”

  1. kim kardashian maggio 9, 2013 a 2:07 pm #

    Pretty section of content. I just stumbled upon your weblog and in accession capital to assert that I get actually enjoyed account your blog posts.
    Any way I will be subscribing to your augment and even I
    achievement you access consistently rapidly.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: